Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 220
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0228
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0228
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
2.20 L E T T E R E

missione vi venisse da me , e quin<3i prendes*
sero argomento di tenere i prezzi altissimi.
In casa Bonfìglioli v’ha di bei quadri ; e
in qual casa non ne v’ ha in Bologna? Se
ne scopriste del valore deìla bellezza e del-
Ia conservazione degli accennati, massime
in mani bisognose di denaro, datemene un
cenno. Io conto esser costà fra quattro o
cinque settimane. Quanto mi piacerebbe di
trovare alcuno di questi contratti o fìnito,
o bene incominciato, e ciò per opera vo»
stra ! I tempi sono infelici ; li compratori
sono scarsi, e questo mi fa credere, che
cotesti signori, che non son per altro gran-
di ammiratori del bello, saran divenuti più
trattabili. II re di Polonia non è certamen-
te ingrato a coloro, che per lo servigio suo
si adoperano , e voi, sig. Giampietro, non
vi perderete nulla a fare sì che la sua Gal-
leria degna sia della sua magnifìcenza, e
del suo gusto ; questo però io vorrei che
fusse con non molta spesa. Io per dir ve-
ro l’ho accostumato male, che gli ho com-
perato un Paolo qui per 1000. ducati, che
ne val 10000. Addio, sig. Giampietro: pia-
cemi avere alcuna occasione di poter testi-

jno-
loading ...