Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 222
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0230
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0230
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
222 L E T T E R E

vantaggio e d’onore, del che grazie senza
fìne vi rendo ; ma veniamo a quello , che
più importa a V. S. Illustrissima, che non.
le grazie, che vi sirendono. Sento che voi
ayete tratto a ddettarsi di ottime pitture il
re diPolonia, ed è gran vantaggio per una
facoltà, che senza Pajuto di persone altis-
sime è vicina a ire all’estrema ruina. Voi
me avete poscia eletto a far provvedimen-
to di cose egregie in questo genere, e gran.
bene mi avete fatto, e circa il tener ciò
segreto, lasciate fare a me . Quand’io com-
perava per il reggente, mun mai io sco-
perse, e solamente dopo la morte di lui si
seppe ; perchè mi piacque che si sapesse
ch’io era stato onorato del servigio di un
sì gran signore, Della casa de’Sampieri di
strada maggiore non vi ha più che il sig,
Valerio senza moglie e senza hgliuoli, e ric-
co convenienteinente e più ancora . Jeri
nel Cafsè, ove io vo , ed ove egli va r par-
lai con esso signor Valerio de’suoi quadri,
e mi disse che circa il san Pietro e san
Paolo di Guido e il ballo de’puttini deil’AI-
bani il suo signor padre, che uitimamen»
£e morì 3 ne ayea fatto un J&deicommisso
loading ...