Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 231
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0239
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0239
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T E .

a3i

XXV L

Bologna, 2.3. luglio ìj/fó'

PEHCHÌ voi mi amate, tutto que.lo, che
da me viene , lo prendete come buono ;
buono però tuttavia si era certamente ciò,
ch’io vi dicea circa il fratello vostro, e
buono il tengo, vedendo che voi lo avete
egregiamente accettato, e non mi aspetta-
va altro dall’indole vostra e dalla vostra ra-
gione. In quanto poi a quegli ufiizj ester-
ni, che dite che mancheranno al nutrimea*
to della vostra fraterna ainicizia , parmi che
si possa un sì fatto alimento sperare dal
tempo, e non bisogna però a questo assret-
tarvi. lntendo benissimo che anche contra
vostra voglia vi possa bisognar far così, ma
anche dal tempo può sperarsi che cessino
le cagioni di così fare, e che voi possiate
mostrare di far per cagione del tempo tut-
to ciò, che ora fareste secondando la vo-
stravirtù. Me neconsolo, per Dio, quan-
to mai possiate immaginare, che lo stesso

P 4 buon
loading ...