Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 236
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0244
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0244
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
&56 L E T T E R E

tete credere, che tutta è roba buona. Se
poi v’avete coraperato per 4- zecchini tan-
ti disegni, me ne raliegro. So che ìe buo-*
ne stampe si vendono molto più. Sarà sta*
to un miracolo da non isperarsi ogni gior-
no, e se spesso vi succedesse, comincierei
del miracolo a dubitare, cioè che non fus-
se quello, che vi paresse. Mi son dimen-
ticato di dirvi che tra le cose del France-
schini vi sono le starnpe delle opere del
Primaticcio e di Nicolò dell'Abate tratte daF
le loro pitture fatte in Fontainebleau . Non
so se cose sirnili vi piacerebbono . Uscì fuo-
ri Fopera mia de’pittori delia Accademia
Clementina in due tomi in quarto grande,
se non erro ; sono usciti ancora due libri in
ottayo delle mie poesie . A voi non ho man-
dato nulla di ciò, perchè sernpre siete sta-
to fuori d’ Italia ; ora che tra noi siete io
ve li ofserisco, e tengo anzi per voi, se
voi li volete . Basta ch’io sappia come ho
a mandarveli. Non vi parlo nè d’Eustachio
nè d’alcun altro de’miei ( che la Dio mer-
cè stanno bene ) perchè non rai avete an-
cor data licenza di pubblicare, nè men lo»
ro, il commercio, ohe passa.tra noi ; per

altro
loading ...