Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 238
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0246
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0246
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
L E T T E n É

238

XXVIII.

Bologna 7. genitaja 1744'

10 seppi del vostro male, e me ne dolsi
grandemente, e seppi ancora che molti viag-
gi avevate fatto, anzi dissero di più. che
eravate a Mantova, e che dovevate venire
a Bologna ; ma di queste due ultime cose
parmi c^ie niuna siavera. Sia come si vo-
glia, purchè vera e stabile sia la vostra gua-
rigione, e possiate lungamente vivendo sera-
pre più far risplendere il vostro valore e

11 vostro merito. lo procurerò altresì di vi-
vere quanto io possa per godere deiramor
vostro, che mi è la più soave cosa del mon-
do . Io m’ingegnerò . Voi intanto conserva-
temi questoamore; che io ve ne prego per
l’amore di Dio . Maledette sieno pure Ia
guerra e la peste, e di queste due più ma-
ledetta sia quella, che è principal cagione,
che non possiamo insieme vederci e abbrac-
ciare, e di pittura insieme discorrere e di
poesia; da che oitre l’essere eccellente poe-

ta j
loading ...