Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 246
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0254
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0254
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
246 L E T T E R E

Pasquali copie delle opere pallavicine, ©
tredici surono , sette parrai egregìamente
legate, e sei asfatto sciolte ; e ne feci quel-
la dispensa, che mi venne allora ordinato
e conceduto di fare . Alessandro Fabri, te-
nerissimo e dolcissimo amante di Santarel-
li, tolse lo intrico di far che questo valo-
roso giovane n’avesse una, e la sua gli ha
data, che è una delle ben legate, onde ne
resta Fabri con voi creditore . Questa è la
storia de’libri da voi riclnesta . Circa la pi-
stola da voi scritta al re di Polonia la mi
par bellissima e poetica al maggior segno.
A1 giudizio di alcuni pochi smunti e palli-
di, e che il naso hanno rivolto all’insù,
parerà un poco gonha, ma a me anche co»
sì piace, e non mi pare che ecceda ; e son
di parere che non sia necessario lo imita-
re sempre il Petrarca e il Bernbo , e che
per diverse strade si giunga al bello e aì
buonoj ma questi stitici non vogliono altro
beilo nè altro buono che quello, che ser-
pe dietro terra, e versi per lo più fanno
più bassi e meno armoniosi della stessa pro-
sa. Essi camminano presso la bassezza e la
yiltà* e vi cadono dentro, e-voi in quel-

lài
loading ...