Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 249
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0257
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0257
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N B D I T X .

249

XXXIL

Bologna 1^. giugno 1756.

Ho ricevuto il vostro libricciuolo di pit-
tura, e ve ne rendo mille grazie . Quan-
tunque ammalato di febbre, non ho potu-
to lasciar di leggere , anzi due volte , il vo»
stro Saggio, e neìla maniera che in esso
di pittura parlate, potreste non che meco,
parlarne coi vostro Paolo e col vostro Ti-
ziano. É piccolo, ma è profittevole e buo-
no, e scritto con una certa leggiadria, che
diletta ; così se ne sapessero i giovani ap-
profittare. Io ho pure per ultirna cosa , che
intendo fare , compiuto un piccolo libretto
quasi sulla medesima idea, e mi glorio d’
essermi incontrato almeno nella vostra idea
e in alcune vostre sentenze, nè aver , cred'
10, dissentito da alcuna . Egli è ora nelle
mani dello stampatore. Mi bisognano ami-
ci, che ci badino, ma io gli avrò, e sup-
pliranno in questo alla impotenza mia . Son
baiordo, nè posso stare in piede . Sono sen-

za
loading ...