Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 253
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0261
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0261
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
253

L E T T E R E

D E L S I G N O R
FRANCESCO MARIA ZANOTTI (i).

I.

V'idrana 10. luglio 1728.

§E il timore, che ha V. S. Illustrissima
di parer quello, che non può essere, cioè
a dire uaingrato, dovea procacciarmi una

così

(i) Ingegno sovrano e un di que’pochi che
sanno onore al paese ed al secolo in cui son
nati : la sua memoria fìa sempre a’buoni Ita-
liani oggetto di venerazione.

Alle più estese e più profonde cognizioni del-
la fìlosofia e delle matematiche accopiar seppe
in grado eminente i doni delle muse, e niuno
l’eguagliò nello scrivere elegantissimamente sì
in prosa come in verso f tanto nella latina lin-
gua quanto nella volgare. Le sue elegie spira-

no
loading ...