Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 255
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0263
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0263
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
1 N E D T T E . 255

tro sarò molto tenuto , se quanto dispiacere
le ha fatto sentire del mio male, altrettan-
to piacere le farà sentire ora , che sono qua-
si rimesso del tutto ; per la qual cosa io
credo che non tarderò molto a restituirmi
in città; quantunque il piacere di ricever
da lei molte e inolte altre lettere rui fa-
rebbe trattener qui anche più lungo tem-
po . Ma non potendo io disporre in tutto
di me, farò supplire al piacere delle lette-
re quello dei ragionamenti suoi, de’ quali
dovrò goderne anclie più, se me ne toc-
cherà alcuna parte diquelli, ch’ella avreb-
be fatto col signor Eustachio. Quanto ini
spiace che egli si sia partito di costà ! E
tanto più che forse si ò interrotta per que-
sto la lezione del Fontenelle , della quale
però come io sarò aBologna potrà ella es-
ser servita da qualcuno , cne gliela farà con
meno eleganza e dottrina e con pari amo-
re ; e con quella occasione potrà il mede-
sirno vedere se si potesse impetrar da lei
qualche grazia al cartesianismo ; giacchè il
Fontenelle è pure così gran cartesiano eom’
è, ed ha avuto l’onore di trattenerla per
alcun texnpo non senza suo piacere . Basta,

aspet-
loading ...