Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 264
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0272
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0272
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
2 6 4 L E T T E R E

te voi giunto in patria sano e salvo? Ave-*
te voi allegrato i vostri amici e compatrio-
ti dell’arrivo vostro, quanto avete laseiato
me in doglia e in afssìzione della vostra par-
tenza? Io non credo certamente che la gio-
ja e Fallegrezza loro sia giunta a cotal se~
gno, che io credo che ne sentirei le dimo-
strazioni e’ì plauso infin di quì. Ma che
avete voi trovato costà all’ arrivo vostro ?
D io buono ! Madama in letto e malata di
febbre. Io son certo che cotesta disavven-
tura avrà conturbato alquanto il piacere,
che avrete per altro sentito in rivedendo
ìa casa vostra ; come a me s’è accresciuto
senza fine il dispiacere della vostz’a partem
za, dall’aver inteso quello che voi avete
adopei’ato con questi buffoni di casa mia.
Ma Dio imrnortale ! si potea far peggio ?
Dunque non v’ha ad essere alcuna diffe-
renza tra iì venir di voi in casa mia, e il
venirvi del Kani de’Tartari? Ma che dico
io mai? Non è ella questa casa vostra &
non ne dovete voi usare pur come vostra?
Basta, quei che è fatto è fatto , ma certa-
snente non si vuol far più, che ciò non si
può in modo niuno lodare nè meno coiug

fatto »
loading ...