Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 268
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0276
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0276
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
£'68 1j E T T E R I;

ta, Gabriello Manfredi risanato esso purs
clalla sua terzana, Fabri e tutti i miei sa-»
nissimi; ma non ho trovato voi clie io de-
siderava più che altracosa, il quale quam
tunque io sappia esser lontano, par tutta-
Via che gli ccchi miei vi vadan cercando
per tutto là, dove si ricordano avervi ve-
duto altra volta. Intanto io vo facendo le
xuie visite e con diligenza e con dispetto 9
voìendo spedirmi, se esser può, da queste
inquietudini, e darmi poi a quaìche facile
e tranquilio studio, il quaìe sarà in primo
luogo quello di raccorre componimentimiei;
giacchè così volete pur voi, che sopra me
potete ogni cosa. Questevisite così afsret-
tate sono state cagione, che io non ho po-
tuto aver tanto tempo quanto avrei voluto,
per comunicare la bella ode vostra con que-
sti poeti , co’ quali però la comunicherò
quantoprima, e l’ordinario prossimo ve ne
scriverò il giudicio loro ; il quale però te-
mo che poco dovrà esser difserente da quel-
lo della Bergalli per una cagione poco al-
tresì difserente ; che ben sapete questi no-
stri non aver troppa confidenza con la stel-
lata Erigone e con la pampinosa prole. Quan-
loading ...