Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 289
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0297
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0297
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
IjfEÒlTEi 289

so serivervi breve ; ma egli mi pare scriverr»
dovi di parlar con voi, e quando lascio di
scrivervi, mi sembra che io da voi iri’al-
iontàni, il che far non posso senza tanto
mio dispiacere quanto potete credere, aman-
doviio, come fo; che certo non v’ha per-
sona che io ami più. Di qua tutti vi salu-
tano, fuori però Yicini il quale è a Moda-
na, e forse non tornerà più. L’abate Va-
selli è venuto qua, ed è alloggiato in ca-
sa il dottor Gabriello. Alla fin d’agosto si
aspetta ilfrate. Vedete che la pazzia è co-
me le ciance del senatore Segni, voglio di-
zre che non fìnisce mai. Algarottino mio ,
state sano, e crederò di esserlo ancor io.
A1 signor conte Vezzi raccomandatemi, e
al signor abate Conti e alla signora Luisa,
ma più a vostro fratello ed a vostri cogna-
ti e sorelle ed a yoì stesso .

To: XL

T
loading ...