Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 297
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0305
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0305
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Xnedite, 29^

in quell’ altra strofe dove esso è ripetuto .
Ma voi vedrete . Fin qui alla priraa della
vostre lettere, rispondendo alla quale par-
mj di aver risposto anche alla prima par-
te della seconda , la qual parte invero è
piena dell’amor vostro, che io ho già co-
nosciuto abbastanza ; ma l’averne sempre
nuovi indizj mi è, e mi sarà sempre ca-
ro, e tanto più. che poco altro ho al mon-
do onde consolarmi ; così molte e gravi
sono le noje che io sosfro da qualche tein-
po ; e so che se voi vedeste talora le on-
de dell’animo mio, mi compatireste . Ma
lasciamo le cose malinconiche . La secon-
da parte della vostra lettera mi ha fatto
vederVerona; così l’avete descritta bene,
che quasi più non desidero di vederla, se
non se rileggendo più e più volte il yo-
stro foglio. E credo che a così vaga e leg-
giadra e bella ed ordinata città , cui han-
no tanto nobilitata e il Caliari e il Bru-
sasorzi e il Sanmicheli , e quello ancora
il quale non so perchè avete tralasciato ,
Claudio Ridolfi, altro non mancasse per
ultimo pregio , che essere così yagamente
descritta corae è stata da voi. Vicenza glie-
loading ...