Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 312
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0320
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0320
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
012 Letteré

juente morta. Qual sia stata e sia la con*
fusione cli tutti noi, voi vel potete crede-
re , neìla quale &e cosa alcuna poteva ac-
cadermi gioconda e cara , aìtro appunto
non era che la vostra lettera, ìa quale lo
sarebbe anche più, se io potessi risponder-
vi partitamente . Ma già alle espressioni tan-
to cortesi tanto soavi tanto clolci delbamor
vostro , che per tutto si dimostra sì neìla
lettera come nel soglio annesso, rispondo
pienamente con V animo ; e vi ringrazio
senza fìne della cura che vi prendete del
ben mio. Le opposizioni che cotesto reto-
re ha fatte ali’ ode vostra ho lette volen-
tieri, ancorchè per dirvi i 1 vero niuna di
loro mi piaccia ; e non sono piaciiite nè
xneno a Giampietro. Ben mi piace che me
]e abbiate scritte , siccome ancora ciò che
xni dite della strofe seconda, e di quella,
qual che siasi, mutazione che io vi seci ;
e particolarmente deììa paroìa cloglia, del-
la quale penso quello che pensate voi .
Quautunque io non possa del tutto pensar
lo stesso che voi intorno alla spiegazione
del nume monlano, che spiegato come ìo
spiegate yoi direi più yolentieri numì mon-

tani,
loading ...