Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 315
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0323
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0323
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite..

ZiS

DEL MEDESIMO

XV.

Honcrio 3. agosto ij32.

10 sono in Roncrio , venutovi da due gior-
ni in qua , dove madama , la qual sento
ch’ebbe da voi lettera rordinario scorso,
non mi lascierebbe scordar di voi, quand’
anche io fossi capace di farlo . Più tosto po-
trebbe avvenire ch’ella non lasciasse che
io vi scrivessi ; però oggi ho preso il tem-
po , e andando ella ad accompagnare per
alquanto di via il conte de’ Bianchi e il
marchese Fabio , che si son tornati a Bo-
logna , ho subito presa la penna in mano
per iscrivere così due versi al mio Alga-
rottino ; i quali sarebbono anche più , se
io o più tempo mi promettessi, o non aves-
si un mal di testa , che appena rni ìascia
scrivere quel poco, che io vi scrivo . Di-
covi dunque che avendo l’animo un poco

più
loading ...