Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 317
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0325
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0325
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite, 017

al mio medesimo. Tarito io stimo voi ; e
se non vi ainassi altrettanto, quanto vi sti-
mo , non mi sarei fermato gran fatto in.
quell’altro vergo :

JSson invidii, o in Vun mare o in Valtro ìiate/

il quale se al giudizio mio attendessi, non
temerei che potesse fare oltraggio al sonet-
to vostro gentilissimo ; ma voi sapete che
quei che amano, temono ; ed io Tho pro-
vato in questo verso medesimo ; che pur
pensandovi sopra non ho potuto trattener-
mi dall’ andarlo volgendo e rivolgendo ia
più guise ; e quando m’è venuto nell’ani-
mo così :

O isoletta, che fuori aìzi Ja fronte
Del Jago aJtera, e a Je piu vaste e conte
Non cedi o nel Tirreno o in Adria nate.

e quando così :

e a Je più vaste e conte
JSson cedi o in Adria o nel mar tosco nate -

e quan-
loading ...