Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 329
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0337
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0337
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T E . Sag

scìando queste significazioni dell’animo mio,
dalle quali avendo io più volte proposto di
trattenermi, come da quelie che oramai
più necessarie non ci sono, pure vi entro
sempre senza avvedermene, nè posso uscir-
ne senza far forza a iqe stesso ; lasciando,
dico, queste espressioni , dicovi che assai
mi piace il soggiorno vostro in Padova, se
così piace a voi ; e piacemi ancora che ab-
biate talvolta delle compagnie che non vi
piacciono, e che vi fanno esercitar la pa-
zienza, che non è leggiera , nè piccola vir-
tù . Io ho sempre creduto del Lazzarini quel-
lo che voi ora provate e mi scrivete. So-
pra gli altri il mio giudizio non è guari
lontano dal vostro, se non che dalle lodi
che voi date al nostro Volpi, il qual go-
do sommamente e per voi e per lui che
siasi rimesso daila sua febbre, vorrei che
levaste quella che voi con troppa cortesia
gli date , di lodar me assai sovente , la
qual cosa con che coscienza egli se Ia
faccia non so . Iddio gli perdoni , ed an-
che a yoi che ne siete cagione . Io però
non vi perdonerò , se non mi manderete
quantoprima l’elegia latina del Volpi unita
loading ...