Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 332
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0340
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0340
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
332 L È T T É R E

sibile che voi possiate usare un tantino cort
Lazzarini * e non essere divenuto un qual-
che Dorico . Se voi studiate questa lingua*
potrebbe anche una volta avvenire che voi
poteste insegnarne alcun poco anche ame.
Vedete se io ho ragione di desiderarlo .
Rendovi infinite grazie di ciò che mi scri-
vete del Morosini, il quale non poteva in-
ferinare nè in tempo , nè in luogo più op-
portuno. Io confido tutto in voi e nel no-
stro Morgagui. Stase sano, amatemi quan-
to potete il più, e credete che non pote-
te farlo tanto , che io non ami voi alme-
no egualmente.

Quel lieto cLi che al grande onor ti scorsé,
Pisani, e il manto signorile , donde
JSovo ìn té splendor sorge, e si disfonde
Indi ne’tuoi, I^enezia tua ti porse ;

Tal di suhita gioja un grido sorse

Immenso, che la terra empiendo e Vonde?
Tutte V umide vie tutte le sponde
T)e la real città corse e ricorse 4

E c/ual
loading ...