Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 349
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0357
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0357
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T E . 5^9

giudicì, e di quel casa dov io arsi ed al-
si, e di quel vetusto e di quello stroppia-
to, e di quel si sommerghi in vece di si
sommerga che è nell’ altro sonetto ; delle
quali cose però niuna a me par cattiva,
ed alcune mi pajon bellissime, parendomi
poi bellissimi e quei due versi che mi ac-
cennate voi, e tanti altri tratti, che per
amendue i sonetti sono sparsi, ed una cer-
ta bella indignazione che si diffonde per
tutto, che io gli tengo per due sonetti no-
bilissimi, e ve ne ringrazio senza Bne. Io
avea stabilito di rispondere partitamente a
tutta la vostra lettera secondo l’ordine stes-
so , con cui Favete scritta . Ora mi accorgo
che dal principio sono passato al Bne sen-
za avvedermene . Tornando dunque alla
eanzon vostra fatta per lo conte Carrara ,
egli bisogna che voi mi scriviate se altra
mutazione vi avete fatta, oltre quella di
cui abbiamo già detto, e quell’altra, che
è piuttosto un ritenere il verso primamen-
te fatto, Lo stuolo un suon d’ alto lamento
fe, che una mutazione ; della qual però
parmi che cosx ne scriyiate , perchè a ca-
so ve ne sia sovyenuto, la qual cosa se è

ar-
loading ...