Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 352
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0360
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0360
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
35a L E T T E R E

però che io già da ora ve ne ringrazio
quanto sb e posso ; e vorrei sapere e po-
ter più per ringraziarvene più degnamen-
te ; che di vero troppo son tenuto al mio
Àlgarottino. Ma voi potete far più che io
non posso dire, il qual potete farrni anco
l’ingiuria di credere che io ahbia perduta
l’elegia vostra , senza però che io me ne
dolga . Sappiate però che io la conservo
tra le cose più care e più pregiate, riguar-
dandola io come cosa vostra . Che se fino
ad ora non ve ne ho scritto , si è stato
ciò, perchè nè io rni son restituito anco-
ra in . questi studj (che sapete bene com’ io
son pigro ) nè ho creduto che fretta alcu-
na in ciò esser debba, la qual però comin-
cia ad esserci; giacehè voi pur volete che
io riguardi quella edizione, che Dio vi per-
doni, più tosto come cosa vostra , che co-
me mia. lo ho già scritto al padre Bassa-
ni Gesuita, per aver da lui alcune poche
cose latine mie che egli aver dovrebbe ;
ed ho già cominciato di fare una nota di
alcune altre , che pure mi van passando
per la memoria ; sicchè spero di poter sod-
disfaryi tra non molto . Parmi di aver ri-

sposto
loading ...