Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 353
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0361
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0361
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedxte; 355

■vposto a tutte le parti della vostra dolcis-
sirna lettera anche con più. diligenza, che
non avete fatto voi a qualche volta ; che
pur vi scrissi, se non erro, due volte so-
pra certo tabacco di Spagna che volea qui
il senatore Zambeccari, e voi non mi ri-
spondeste nulla ; ed anche un’altra volta
vi scrissi del quanto si dovesser vendere
quelle benedette carte del sig, Baudin che
io ho anche qui , e che non mi ricordo
quanto voglia egli che si vendano ; e voi
di questo pure non mi faceste parola, bel
donzello che siete. Benchè del tabacco non
accade più altro, che già il Zambeccari
ha data Ia colpa a me , ed io la mi ho
presa, parendomi per l’amor che vi porto
che l’incolpar voi o ine sia quello stesso .
Delle carte poi del Baudin vedete quello
che essendo costì in Padova potete scriver-
mi. Yengo ora al foglio che avete aggiun-
to alla vostra lettera, pieno in ogni part©
dell’amor vostro : della voce che voi dite
essere sparsa costì, e che tanto a voi spia-
ce per l’amore che portate a me, non pos-
so dir certo che ella mi piaccia, quantun-
que non ne sia ancora seguito quello che
To: XI. Z po-
loading ...