Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 356
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0364
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0364
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
556 L E T T E R É

difficile , se pur ci è involto quel marclie^
se Bentivoglio , il quale ha de’ parenti qui ;
pazienza. Io intanto vi sono così obbliga-
to che più dir non posso ; ma 1’ amor vo-
stro nón esige quei ringraziamenti, de’qua-
ii egli è infìnitamente maggiore . Madama
caramente vi risaluta : lo stesso fanno e
Fabri e i fratelli iniei . Dall’ un di questi
credo che avrete lettera in questo ordina-
rio , ed anche da Fabri ; e l’ uno e l’altro
l'orse vi manderanno sonetti, che ne han-
no de’ nuovamente fatti, parte de’ quali ho
veduto e parte no ; che sapete che io veg-
go costoro rade volte . In questo punto mi
giunge una vostra lettera insieme con una,
che dalla soprascritta parmi del nostro sig.
Morgagni ; ma io sono ridotto a tanta an-
gustia di tempo, che temo , se io le apro
e leggo , non esser più in tempo di spe-
dirvi questa. Quello dunque farò un’ altra
volta. Ora amatemi, Algarottino mio, e
state sano. Àddio, Addio .
loading ...