Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 357
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0365
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0365
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I jst S D I T s: *

357

DEL MEDESIMO
XXIII.

Bologna 16. settembre 1762.

f\.ispoNDO a due vostre soavissime lettere >
cioè a quella che ebbi l’ordinario scorso
da Voi, ed a quella che ricevo oggi col
vostro dolce e leggiadro e bel sonetto, ed
oltre a ciò tanto soave e cortese, che e’
pare che abbia voluto gareggiar con la let-
tera ; del quale però non vi dirò ora al-
tro, mancandomi il tempo di scrivere lun-
ga lettera, non che di pensare più sottil,-
mente a quei passi particolari che voi in.
esso sonetto mi accennate . Sicchè di esso
un’ altra volta. Venendo poi alla lettera
deir ordinario passato , dicovi prima che
voi potete far di me quel che vi piace,
fuori solo farmi buon poeta, voglio dire
che io non mancherò di servirvi di alcun.
componimento sopra T ambasciatore che voi

Z 3 dite j
loading ...