Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 358
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0366
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0366
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
358 L E T T E R E

dite ; e se esso sarà cattivo, vi fenserefce
pur voi. Ho dimandato anche a Gio: Pie-
tro ed a Ghedini , e mi hanno promesso
essi pure di far qualche cosa ; ma ed es-
si ed io desideriamo pur sapere se non al-
tro il nome di costui che dee lodarsi, e
mal non sarebbe il sapere ancora se egli
abbia fatta mai azione alcuna onesta e da
galantuomo ; ma è ben necessario che scri-
viate quando vi farà d’ uopo di tali com-
ponimenti . Io ne chiederò ancora a Fabri
ed a Scarselli e ad altri, se tra’ piedi me
ne verrà alcuno . Yedete per voi stesso , che
oltre che altre cose me ne distornano, que-
sta faccenda mi distorna anch’essa dalie
lettere latine; vogiio dire che non vi ma-
ravigliate , se alquanto più tardi averete
quello che io averei voluto potere e saper
fare più presto . Ma io temo che sia per
avvenire certamente a me quello che par-
mi ( se io m’ inganni il vedrete voi ) esse-
re avvenuto al nostro signor Yolpi, la cui
elegia fatta dopo una lunga cessazione , mi
pare di molto inferiore a quelle che ve-
dute avevamo. Sebbene io non son tale
che debba ricusare o dolermi, che avven-
loading ...