Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 373
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0381
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0381
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T E é 5y3

g!i quantoprima ; a’quali ag^iungerò io quel-
le cose volgari, di cui vi scrissi, e voi ag-
giungerete quelle che furono stampate dal
Volpi; ed ancora quest’ultima elegia che
io hofatto, se ella per ventura sua vi pia-
cerà, e che io vi manderei questo ordina-
rio, se avessi tempo di ricopiarla, ed an-»
che di assettarla in qualche luogo dove el-
la ne ha più bisogno ; componendo la qua-
le, e più poi rileggendo la vostra, ho ben.
inteso come un uomo che sia disavvezzo ,
e che sia tanto lontano dalla vostra età
quanto sono io , è tanto meno grazioso, quan-
to più cerca di esserlo . Qual che ella sia-
si però, 1 a vi manderò senza dubbio l’or-
dinario venturo, ben proinettendomi che
Algarottin mio , non che compatirla, anehe
la gradirà ; nel quale ordinario vi scriverò
pure del sonetto vostro , ed anche per com-
pensare l’indugio, vedrò se io possa pure
rispondergli, il che mi sarebbe , credo , più
facile, se quello fosse men bello ; io però
non l’ ho mostrato a persona , nè forse il
mostrerò, fìnchè io non ve ne abbia scrit-
to ; il che far soglio di tutte le cose che
mi mandate. Liasciando andar dunque tut-

A a 5 ti
loading ...