Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 375
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0383
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0383
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite. 3y5

to delle altre cose , che in questo ordinario
mi convien di scrivervi . Sappiate dunque
in primo luogo che io ho già ricopiata la
vostra canzone diretta al Cairara, secondo
le mutazioni di cui siamo convenuti , o
l’averei già data aGiampietro che la man-
derebbe al Carrara stesso, se egli non fos-
se stato in campagna ; ma questa settima-
na gliela darò, e forse anche prima di fi-
nir questa lettera, la quai veggo che non
vuol finir d’ esser breve ; ma se ella non
giunge mai ad esserlo, ia colpa è pur la
vostra, che avete fatto con l’asfetto vostro,
che io trovi tanto più piacere , quanto più
lungamente con voi ragiono . Sappiate in
secondo luogo che io ho ricevuto l’invol-
to che mi avete mandato dei due libri ; e
ne darò parte in questo ordinario tanto al
Crivelli, quanto al Michelotti . Questi mi
aveva già scritto due lettere y mandando-
mene ancor una del Boerahave ; ed appe-
na ho potuto intendere se questa ed il li-
bro a me vengano , o al bibliotecario dell’ln-
stituto. Io credo che questi imbrogli il coni”
mercio, come l’altro ha imbrogliata la fìsi-
ca. L’ ultimo ordinario ebbi una lettera lun-

A a 4 ghis-
loading ...