Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 376
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0384
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0384
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
5^6 L E T T E R E

ghissima del nostro Manfredi, la metà deì-
la quale è sopra di voi mostrando egli il
desiderio, anzi il piacere ch’ egli ha, di pur
dover rivedervi ; dico il piacere , giacchè
egli se ne tien sicuro; e dice che egli da-
rà pure l’ultima mano agli elementi delF
astronomia, che voi volete riveder di nuo-
vo. Se ciò farete, io vi prometto di voler
vedergli io pure con voi, quand’anche io
dovessi per ciò intermettere quel sì vago
e sì leggiadro studio delle effemeridi. Egli
mi dice ancora di volere confortarvi a stam-
pare la traduzione delFopera del Desagu-
liers , ed anche adornarla di quelle note
che trar poteste dai vostri esperimenti fat-
ti qui in Boìogna; e come io ho scritto a
3ui, così scrivo ora anche a voi. Che se
l’ opera del Desaguliers non è una breve
e semplice dissertazione , rna un libretto
di qualche rnole, voi fareste a mio giudi-
zio assai bene di clarne fuori una tracluzio*
ne fatta così, come sapreste far voi, e co-
me non saprebbe far verun altro . Vedete
un poco quello che far potete , acciocchè
noi veggiamo una volta un’opera inglese e
-belìa e. ben tradotta. Ora venendo al pro*

posito
loading ...