Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 390
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0398
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0398
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
3gO L E T T E R £

delle quali desidero che cosx paja agli al-
tri conie ne pare a te ; quantunque io mi
sia maravigliato che tu faccia alcun caso
di quel mio : Signor, che V alme consolari
leggi, che io tenea tra le cose mie più di-
spregevoli ; delle altre non mi ha dato me-
raviglia il parer tuo, perchè veggo che nè
per buone hai prese quelle cose che io ap-
punto prendea per non cattivissime . Ti
mando in questo ordinario cinque sonettl
sopra la monaca , che troyerai aggiunti a
questa lettera, scritti uno per man di Ghe-
dino , gli altri per rnano di mio fratello ,
tra’quali uno ve n’ha del Tagliazucchi, il
quale parmi che così espressamente alluda
alla morte o del marito o dell’amante del-
la monaca, che probabilmente non quadre-
rà al proposito . Ma io scoinmetterei ch©
mio fratello l’ha letto considerato e rico-
piato , senza avvedersi che alluda a ciò ,
Tu sai come son fatti questi nostri poeti^
che talvolta sono talmente fuori di sè che
non si intendon nè pure tra loro. Ma se
questo sonetto non farà all’argomento, e
tu ti varrai degli altri quattro ; sì che quan-
to a questa benedetta monaca non accade-
loading ...