Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 11): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-11]

Seite: 402
DOI Seite: 10.11588/diglit.28089#0410
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd11/0410
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
4o 3 L E T T E R E

da , e in conseguenza di una che non 1!
nutrisca infeconda. Io non so se queste co-
se ti pareranno troppo ricercate. Quanto
all’ Istro il figlio ’vostro io son d’ accordo
teco ; nia non Io son tanto in quell’ altro
passo del bel sudore, nè in quell’altro: Cha
val per cento statue un ìnno vostro , che
tu dici detti con troppa tenuità , Quanto
al priino passo , parmi che stia meglio di
della bell' opra , o di qualunque altra cosa
che fm ora mi sia sovvenuta ; ma questo
non fa che non potesse esser anco catti»
vo . Ma questo non parmi, poichè parmi
che il richiamar la mente al sudore spar-
so in quelle guerre da quel capitano non
faccia cattivo efsetto, e il dirlo bello que®
sto sudore non istia male . Quanto al se«
condo passo, io ho voluto imitar quello
d’Orazio nell’oda che fa sopra Pindaro ;
Centum potiore signis munere donat, Ma
veggo bene ch’io non ho espresso questo
pensiero così poeticamente come ha fatto
Orazio, nè questo potrei fare giammai »
Con tutto ciò la bellezza istessa del pen*
siero, e la grandezza di lui parmi che non
abbia bisogno di troppo gran parole. Oltra

di
loading ...