Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 8
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0016
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0016
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
$ Lettere

Ma ben 'vedremo ancora un giorno tutto
L'Tìgeo mescer di sangue un figlio vostro,

facendosi naturalmente la posatura nel pri-
mo clopo la voce ancora, e nell’altro do*
po la voce sangue, dopo l’una e l’altra se-
guiti queU’wn. con una terminazione di ver-
so non dissimile , in quanto che poi nell’
uno e neli’ altro seguono due dissillabi .
’Vedete quante baje vi scrivo Ciò vagiia
a persuaderyi che io do tanto all’amor vo-
stro , che vengo scriyendovi di queste co-
se così minutamente, che non mi ricordo
aver mai fatto altrettanto in vita mia ; es-
sencio sicuro che Algarottin mio me ne scu-
serà . Io non iscuso già però lui di non
avermi ancora scritto ciò che altri abbiano
giudicato deil’elegia sua. Ma forse che anco-
ra cotesti Volpi, Morgagni e Lazzarini non
l’han veduta. Se ho desiderato che questi
queila veggano e ne forrnin giudicio , non
so se io desideri altrettanto che essi veg-
gan questa che io vi mando in questo or-
dinario ; cosx mi pare invenusta che appe-
na ardisco mandarla a yoi ; la qual però ri-

ceve
loading ...