Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 15
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0023
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0023
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
IjTlDITEs iS

verrei costà a farvi una parte del carnova»
le , e passarvi ancora la quaresima ; e fa-
reilo certamente, se il venir che ^dee faro
vostro fratello aVenezia non mi trattenes-
se qui ; imperocchè credo che a lui non
sarà discaro l’ aver presente un amico , ©
un amico della conhdenza che ormai pos-
so dire d’aver con lui , ed a me sarà ca-
rissimo il poterlo servire in ogni cosa cha
potesse occorrergli , Ma qual consolazione
non sarebbe ella per me , e quale ancora
non si sarebbe per lo raedesimo fratel vo-
stro l’avervi voi pure ? Voi verreste nella
vostra casa, che vostro si è pure ogni co-
sa che mio sia, e di là anderessimo a vi-
sitarlo a s. Zaccaria, come facevamo l’an-
no passato a s. Petronio ; e poi hnite chJ
egli avrà le sue prediche ritorneremmo tut-
ti e tre insieme a Bologna . Deh per#Dio
fate che queste speranze mie, che mi ten-
go così care , non riescan vane . Io ad ognx
modo dopo la quaresima verrei coslà, che
troppo mi pesa lo starmi lontan da voi con
cui soleami star sempre , e con quel pia-
cere, del quale il dolore che io provo ia
questa lontananza nostra mi avvisa ad ogni

ino?
loading ...