Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 16
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0024
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0024
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
i 6 Lettere

momento . Ma voi vedete bene quale e
quanto obbligo io v’avrei, se voi rae lo
faceste sentir due mesi prima questo così
caro e così bramato piacere. Fate, vi pre-
go per l’amicizia nostra, poichè non vi pos-
so pregar per cosa che vi possa mover più.
di questa, che io non desideri invano co-
sa che pur così ardentemente desidero. Oh
quante cose ho a dirvi! Oh che dolci ore
io mi passerò con voi ! Io aspetto con la
risposta di questa mia la promessa per me
così desiderata che vi vegniate, e sì i’aspet-
to corae una cosa che mi farà star conten-
to tutto questo tempo, Voi potete partire
subito che si dànno costà le vacanze del
carnovale nello studio, che faremo un po’
di carnovale insierae ; benchè ogni volta
che ci veniste sarebbe sempre per me tem-
po di consolazione e di allegria. Priegovis
quaìunque ostacolo che potesse venir a tra-
versare questo disegno nostro, comunicar-
melo , afiinchè possiam© con tutte le sor-
ze nostre fare dì rimoverlo „ Ma quale osta-
colo può esser inai per non venirci, mas-
sime là dove son tanti motivi per venirci?
Io vi prego ancora una fìata di consolar-

mi3
loading ...