Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 19
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0027
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0027
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite. 10

10 non intenda certi lor rmraeri che por-
tano in fronte, parmi tuttavia che non mai

11 3i. mostrar possano, ma solo altro nu-
mero più addietro . Sicchè nulla mi mera-
viglio che voi nulla di quei mi diciate, di
che mi scrive ampiamente il signor Mor-
gagni, e di che vi scriverei ora , se non
credessi che lo stesso sig. Morgagni avesse
comunicato con voi ogni cosa, o più tosto
se avessi tempo di farlo ; il qual terapo man-
candomi in questo ordinario, raancami an-
cora per rispondere a quella araorevolissi-
ma ed affettuosissima parte delia vostra let-
tera , in cui mi espriraete il piacere che
avereste che io mi venissi questa quaresi-
ma a Venezia, aìla qual determinazione ap-
partengono tutte le cose che il sig. Mor-
gagni mi scrive, e che io scriverò a voi
quest’altro ordinasio . Se io venissi costà
volentieri per vedervi ed abbracciarvi e ba-
ciarvi, Dio il sa ; e prego voi a misurare
l’afsetto e il desideiào mio da tutto ciò che
mi scrivete del vostro, il quale io credo e
tengo per fermo che sia grandissimo ; ma
voi non vedete il mio cuore , e se il ve-
deste , trovereste che l’amor mio non ò

B a puntq
loading ...