Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 25
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0033
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0033
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inegite, 2.5

Oh quante cose avrei a dirvi e intorno a
quante cose ! Scrivetemi, vi prego, subito
di ciò che debba avvenire; che se una vo-
stra lettera non m’acqueta, io non so quai'
altra cosa lo potreb'oe giammai . L’amico
vi saluta, e vi ringrazia della memoria che
dì lui fate nella divina vostra elegia , cui
non potea saziarsi di lodare. Addio . Ad-
dio mille volte . /

*o*o*o*o*o*o*o*o*o*o*o*o*

DEL MEDESIMO
XXXV.

Padova 6. novembre

Io son tuttavia in quella agitazion d’ani-*
mo che voi già saprete a quest’ora; per
la qual cosa se io aspetti con impazienza
le vostre lettere di domane , voi ve lo po-
tete immaginare, che certamente cosa non.
ho giammai desiderato con tale impazien*

za ;
loading ...