Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 30
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0038
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0038
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
3o Lettere

l’eleganza, nè la prontezza del Graziani. IJ
Poleni vi saluta, e rni cìice che que’tomi
dell’accademia ch’eran da vendere, non lo
son più. Al giudizio ultimo vostro del so-
netto mio àoW'inseconda io m’accheto. Fa-
bri e Ghedini potete della lor buona vo-
lontà ringraziare ; ma i sonetti non sareb-
bono piu in tempo , ancorchè gli avesser
fatti. Ora io chiuderò questa mia, dalla
quale potrete per avventura comprendero
che io non sono in un certo stato di quie-
te e di tranquillità d’ aniino . Ma faccia
Iddio, nelle mani di cui si è pure ogni co-
sa. Addio, Zanottino mio, ia più dolce e
la più cara cosa che io m’abbia al mondo,
e il quale io amo più dell’anima mia stes-
sa. Salutatemi la marchesa i fratelli il ni-
pote yostro . Addio ,
loading ...