Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 32
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0040
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0040
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Ss Lettere

ho a far io ? Per questo ordinario io noa
iscriyo nulla al signor Morgagni ; che così
mi piace d'interpretar la sua lettera, che
essendosi per ispedir l’afsare solamente en-
trato l’anno nuovo, e non desiderando egli
la risposta se non che verso la rnetà del
mese incirca, ed anche proponendomi, se
lio alcuna cosa da scrivere in particolare
a lui, gliela scriva prima, io posso lasciar
passare questa settimana per fare la delibe-
razion mia più ferma e più stabile . Circa
la quale ho cominciato ad esser sospeso as-
sai, e lo sono ancora da qualche tempo .
lo penso molto a ciò che voi mi scriveste
già molti ordinarj , e ciò è che voi non
desideravate più gran fatto che io venissi
in cotesta università , e pongo questo vo-
stro sentimento con quello che m’ avete
scritto ora nella vostra lettera de'4- novem-
bre, in cui veggo che quello che il signor
Morgagni vi disse di avermi scritto, vi ha
posto in una inquietudine che inquieta an-
che me. Che è questo, Algarottin mio di-
lettissimo? lo non so da qual parte volger-
mi, nè che pensare . Dall'una parte l’im-
piego onorevole e lucroso , e più la vici-

nanza
loading ...