Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 43
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0051
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0051
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I rr e d i t e .J $5

e qtianto per ragione di questo mi attristi
ogni cosa, e quanto ogni cosa ini dia ti-
more . Io sospendo aricora per questo or-
dinario la mia determinazione , e scrivo a
Morgagni una lettera , in cui lo prego di
aspettare fìno alla ventura settimana. Ma
vorrei pure ayer lettere da voi, che mi
spìegassero donde venga quella tanta tur-
bazione d’ animo , che voi avete concepi-
ta, e che non può alleggerirsi dal veder
questo afsare così incainuiinato , come voi
stesso una volta desideraste. E egli forse
che dipendendo ( come voi stesso in una
vostra lettera mi avete scritto ) io stato e
l’instituzione del viver vostro dal mio, voi
non trovate che il vostro esser possa tale,
qual vorreste, se io venissi a Padova ? Ma
se così è , perchè dunque nol ini scrivete
apertamente ? Perchè in tai caso la risolu-
zione mia sarebbe presa ; e in somma io
vi farei arbitro in ciò . Ma grande inco-
modo si è la lontananza . Che è ciò , che
vi affligge , Algarottino mio ? E che è ciò,
che temete per ragion vostra e per mia ?
lo avrei da scriveryi di quante altre cose !
Ma pensate , io non ho nè ìl tempo , nè V

animo,
loading ...