Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 44
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0052
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0052
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
44 L E T T E n E

animo . Addio, caro amico, pensate a raL
legrarvi alquanto e sostenervi, acciocchè io
stesso noa mi avvilisca . Addio .

*0*0*0 * o*o* o*o*o*o*o*o*o*

DEL CONTE

ALGAROTTI

XXXIX.

Padova 22. novembre iy32.

M olta turbazione e inquietudine d’ani-
mo invero m’avea dato lanuova, che voi
sapete che mi comunicò il signor Morga-
gni ; e questa in grandissima parte si pro-
venia dal pensare e dal riflettere che io
faceva meco stesso : oh Dio ! se egli non
piacesse per avventura a Zanottin inio o
il modo di vivere, o altro di questo pae-
se , o gli paresse che la fatica fosse trop-
po grande o altro, cosi che egli si trovas-

se
loading ...