Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 52
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0060
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0060
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Sz L E T T E n E

mo; posso dirvi che altro dal deterrainar-
mi a ciò non mi trattiene ; se non che la
yoce, che è qui sparsa da qualche ternpo,
e che secondo le congetture mie potrebbe
e dovrebbe esser vera, che voi questo car-
novale siate per venire a Bologna. Per al-
tro io goderei molto di venire a Venezia
per veder voi, nè mi dispiacerebbe di pas-
sare in Padova i primi giorni di quaresima
per udir que’lettori, se piacesse altresì a
voi di passarvi . Non potrei già rimanervi
il restante della quaresima , nel qual tem-
po sapete come qui lo studio , i lettori e
l’accaderaia tengano oecupato il segretario.
Jn somma il mese di febbrajo parte lo
avrei, e parte mel farei libero ; ma temo
che mio fratello non così presto vorrà ve-
nir costà. Comunque siasi , noi abbiamo
due mesi di tempo da andarci scrivendo ;
e giacchè sono ora fuori di un’ ansietà,
<che non mi lasciava quasi pensar adaltro,
potrerao scriverci e di questa e di altre
cose più gioconde ; che non ce ne man-
ca . JNTel prossimo ordinario vi scriverò sen-
ja fallo del vostro bellissimo endecasilla-
$>o, e restituendomi alle mie poesie, vi

man-
loading ...