Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 60
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0068
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0068
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
6o Lettere

e se dopo avervi mancato di parola tante
volte, pur siete in istato di credermi, di-
covi che ve gli manderò il venturo ordi-
nario , ed anche vi scriverò del vostro bel-
lo endecasillabo quello , che a me a luo-
go a luogo ne paja , che però tutto insie-
xne ini par bellissimo e leggiadrissimo . Al-
garottìn mio , quanto vi voglio bene, e
quanto vi son tenuto ! Sono più ordinarj,
che io mi vo scordando di dirvi che è qui
nn Gesuita veronese , matematico di valo-
re , il quale avendo da me inteso che il
Desaguliers avea risposto al Ilizzetti, e che
costì si traducea la risposta, mi ha signi-
ficato che ne vedrebbe volentieri una co-
pia, giacchè egli nè sa i'inglese, nè sa-
pendolo piotrebbe soddisfarsi ; poichè egli
non ha l’esemplare di tal lingua. Io gli
ho promesso di scrivervi sopra ciò , e co-
sì faccio ora , e dicovi che se quella rispo-
sta avete tutta tradotta , e se ne avete una
copia , cui non vi gravi mandar qua, mi
farete grazia mandarmela ; e di questo vi
prego così veramente che intendiate, che,
poste queste due condizioni, io la vedrò
volentieri assai coine cosa vostra, e come

tale
loading ...