Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 66
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0074
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0074
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
66 L E T T E R E

yì spedirei altresì volentieri, se io i’aves-
si, una risposta che ha fatto il Giannone
a certe critiche , che il padre Paoli ha
cacciato fuori sopra la sua storia del regno
di Napoli ; dove gli dà una sì Jìera petti-
natura, che io mi credo, se e’non si fos-
se frate , se ne ricorderebbe tutto il tern-
po della vita sua. Ma chi sa che non i’
abbiate veduta costà ? Sono stato questi dì
passati ( per darvi aìcuna nuova di questo
studio ) a due lezioni che il signor Mor-
gagni ha fatto in casa per ispianar la stra-
da a coloro, che l’anderan poi ad udire
disputante in pubblico dell’ anatomia ; nel-
le quali, non dirò già le glandule o le pa-
pille nervee , ma le dehnizioni dell’osso e
della fìbra venian cosi da alto e con tale
apparato, come Ia voce dell’ oracolo, eoo
tripode et lauro. Oh quanta impostura vi
è mai al mondo ! Quanto citarsi, quanto
citar gli altri che l’han nominato ! Io vi
dico iì vero, che questo mondo più che
il tratto, più mi par brutto e disgustoso . Se
voi sapeste le brighe e le cabale e i trium-
virati di costoro , vi stomachereste . Ma
quanto prima io spero che di queste cose

par-
loading ...