Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 74
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0082
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0082
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
9 4 L E T T E R E

fa il Richtero a quel mio opusculetto de
viotu cotnposito ; cìaìla qual risposta compreu-
do che il Richtero sia uno dei raccoglito-
ri di Lipsia , ed a questo attribuisco chs
essi abbiano così sreddaraente parlato di un
tal libro ; di cui non credo che possano
aver tanto moderatamente parlato per trop-
pogiudizio; e credo che se quel libro non
fosse uscito d’Italia, l’averebbon lodato mol-
to , prendencìolo per più bello , che non
è . I Manfredi non vi fan niente di hgu-
ra, nèValsalva, nè Morgagni stesso. AI ri-
spetto , che avranno avuto clel Richtero,
attribuisco ancora ch’essi non abbiano clet-
to nulla di voi, non facenclo nè pur paro-
la degli esperimenti della luce, quanclo per
altro di tutto quel capitolo , ch’è de lapi-
de bononiensi, fanno assai clistinta corame-
morazione; e forse che il Richtero non avrà
voluto mostrare che dopo la confermazio-
ne , ch’egli ha dato agli esperimenti del
Neuton , vi sia bisogno di alcun’altra . Que-
sti nostri Felsinei in somma sono poco con-
tenti, per quanto mi avveggo , de’ signori
Lipsiesi. Ma tornando al padre Paoli, sen-
to che egli avrà motivo di esserlo molto

me-
loading ...