Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 80
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0088
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0088
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
8o Lettere

raccoglitor non ha fatto , e che avrei fat-
to io , se non mi fosse convenuto dar la
mia ad uno qui in Padova, che me ne ha
pregato. Questo dico a voi, perchè so che
voi di tali cose fate quel conto che se ne
dee fare . Troverete in ultimo due copie
delle poesie del padre Rapini, che è ve-
nuto in mente ad un librajo di Yenezia
per la sua malora di dedicare a me. Uno
di questi vel terrete voi , e lo riceverete
come un pegno dell’amor mio ; l’altro , e
se vorrete quello legato in pelle rossa, lo
presenterete in mio nome, se vi piace, al-
la marchesa, e lo accompagnerete a questo
distico che vi scrivo qui, non avendolo vo-
luto scriver nel libro, temendo di qualche
cosa che suole in si fatti casi avvenire :

Vel cibi nunc, liber, invideo inselix! mea
quem nunc

Lux volvit niveis ipsa tenens manibus.

II qual distico se piacerà a voi, egli si avrà
ottenuto quello che non ardisce di spera-
re. La mia lettera o più tosto inno al Man-
fredi P ho poi terminato, e non veggo l ora

di
loading ...