Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 96
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0104
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0104
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
g6

L E T T E H E

DEL CO N T E

ALGAROTTI

XLIX.

Firenze 7. novembre iy33.

lo yi scrivo due righe stanco così come
sono ; acciò sappiate da me medesimo che
10 e il sig. Eustachio siain giunti jeri sera
felicemente in questacittà; la quale è co-
sì in ogni sua parte yaga e leggiadra, ed
occupa tanto di sè medesiina chiunque Ia
yede, che non mi fa sentire coine io sen-
tirei il dispiacere di ayer lasciato Bologna,
e con essa la conversazion vostra, che era
una di quelle cose, che me l’han fatta pa-
rer così bella corne elia mi parea. Io non
ho ancora yeduto nessuno di questi sapien-
ti7 se non se il signor Micheli che è, co-
me sapete , il Monti di Firenze , il quale
jn’è paruto un letterato così alla mano, che

si
loading ...