Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 112
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0120
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0120
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
113 L E T T E R E

netto : iVe tu i grancl' archi o i simulacri o
i ponti, e dell’altra ode: Non la Lesboa *
e quando dico argomento voglio che in-
tendiate poche paròle , che accennino co-
sì qnanto basti o la persona, cui è indiriz-
zato il componimento, o la cosa , sopra cu£
è fatto : ditemi anche se il sig. Paolo Bra-
zolo si debba dir cavaliere . Yoglio bene
che mi permettiate di notar l’argomento,
o più tosto l’occasione che aveste di scri-
vere e il leggiadrissimo endecasillabo : Que-
sto poetico picciol libretto, e queìla magni-
Bcentissima epistola : O de la lieta ed ono-
rata parte, i quali, e massime questa, par-
mi che il desiderino ; non so se l' amor
proprio mel fa parere, acciocchè anche in
questa parte venga ad apiiarire il mio no-
ro.e ; il che però certamente non desidere-
rei tanto, se ciò non fosse in un libro del
mio Algarottino . PIo pensato anche forse
per lo stesso amor proprio notar l argomen-
to delsonetto: O lieta sovra ogni altra al-
?na isoletta, come anche di quello, in che
però niuna parte ha ì’ ainor proprio : Poi-
chè fiamma di grave e civil guerra , e di
quello : Ombra del gran Britanno, e della
v can-
loading ...