Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 117
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0125
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0125
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite. 117

quali voi siate iu qualunque maniera men-
tovato ; i quali più d’ ogni altro io vorrei
che a voi piacessero, che vale a dire che
fosser belli . Parrammi di aver risposto a
tutto ciò che mi domandate nella leltera
vostra, quando oltre a tutto ciò che v’ ho
Hnora detto v’avrò anco aggiunto che il so-
netto : O messo caro ed aspettato tanto , su.
fatto sopra Ia novella che venne a Vene-
zia, se ben vi ricorda, quando v’eravamo
insieine, che la marchesa Ratta dovesse ve-
nirvi anch’essa; la qual cosa poi ebbe quel
destino che hanno tutti i progetti suoi ; e
che potete sicuramente apporre al nome
del sig. Paolo Brazolo ii titolo di cavaliere
padovano. Fin qui delle cose mie . Venen-
do ora allevostre, le quali si comincian di
già a stampare, sappiate che un certo pa-
dre Monti revisore dell’ Inquisizione avea
fatto divenire in quel vostro leggiadrissimo
sonetto : Se allorchè d' atro nemho il fier pe-
riglìo , Mercurìo Gesù Gristo Salvator no-
stro, leggendo in vece di non che di Ma-
ja il figlio , non che di Maria il figlio, per
quanto il verso andasse gridando pietà e
inercè al padre Maestro ; il qual però fu tan-

H 3 to
loading ...