Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 120
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0128
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0128
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
X20 iiETTEIll!

ciò che avrei voluto e dovuto) come, cli-
co, non dovete ringraziarnxi di questo, co-
sx nè meno dovete parlarmi di spesa; che
Iasciamo stare le obbligazioni molte e gran-
di che io vi ho e conosco di avervi, sap-
piate di più che volendo io da prima far
quello che ora vorreste far voi, trovai per-
sona la qual non volle che nè voi, nè io
il facessimo . Nè io potei per modo alcu-
no impedire, che ella non ispendesse tut-
to, o alrnen cjuasi tutto che era necessario
all’opera; per la qual cosa come io soffer-
si questo inaltrui, così dovete voi ora sof-
ferirlo iu me e perdonarmi, se io nè ora,
nè più scriverò di tal faccenda. Yoglio be-
ne che voi mi scriviate quello che abbia
a farsi degli esemplari del yostro aureo li-
bretto, che sono ancora presso lo stampa-
tore , e aspettano ordini da voi come clal
padre e signor loro ; benGhè alcuni ve ne
ho distolti, parendomi non convenirsi che
si tardasse di darne ad alcune persone ,
che già sapevano essere essi al monclo , e
a cui potevano clarsi anche legati in fretta
e dimesticainente . Così uno ne ha avuto
Madama e poi un altro ; perciocchè il pri-
.. .... mo
loading ...