Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 129
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0137
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0137
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite.

Ì2§

DEL MEDESIMO
LVI.

Firenze g. gennajo 1754*

Eccovi, Zanottino mio dolce, l’altra sa-
tira, la quale io v’avea promesso . Ella dice
che viene a voi con un po’più d'animo della
prima, come quella a cui è stata di già fatta
la strada da una sua sorella, che noH è asfatto
dispiaciuta ; e spera ella altresì di piacere a
qualche modo , benchè si riconosca assai
più tenue e leggiera della prirna, siccome
il suo argoinento par che sia più tenue e
leggiero , che quello deli’altra non era . Ma
io temo non averla fatta a quest’ ora più
ioquace che a zitella , come ella pur è, non
si conviene . Vi dirò duncsue io in vece
sua, benchè ella non si potrà contenere
dal dirvelo ella medesima , che le perdo^
niate i difetti che vi troverete per entro ,
e che ine ne awisiate così, come dell'altra
Tot XII. ì fatto
loading ...