Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 131
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0139
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0139
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Ikedite» l3l

C€ra a dirvi ! E primieramente vi dirò che

10 ebbi 1’ altro dì la dolce lettera vostra ,
di cui vi ringrazio senza fine , dipoi che
la stampa delle poesie vostre va innanzi a
gran passi , e che le mie in questo paese
hanno avuto assai più applauso , che io spe-
rato nonavrei; e tra gli altri un certo dot-
tor Crudeli , che voi per avventura cono»
scerete di nome e che compone assai leg-
giadramente , ie loda e le celebra molto .

11 che io non posso sentire, che con som-
mo piacer mio , siccome con sommo pia-
cere ho sentito ciò che me ne scrive il
signor Manfredi in una. lettera per me glo-
riosissima e pel libretto mio j in cui non
mi son tanto ineravigliato di non trovar©
un sonetto al Montenari, che comincia :
Vaghe eleggiadre dee, che come volle, che
per avventura non vi sarà piaciuto, nè egli
meritava di piacervi , quanto rni son me-
ravigliato di non trovarne un altro che co-
mincia : Quella o Colei che del mìo mal
talor s’avvede, che so pure una volta es-
servi piaciuto. A tante cose che finora v’ho
detto, vi dirò in fìne ciò che per altro voi
jntender dovreste, s’anco non vel dicessi*

I

'(?

CIO
loading ...