Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 154
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0162
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0162
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
l54 Lettere

che mi portava quella lettera che vi ri-
mandai, dalla qual briga non v’avea altro
mezzo di liberarini . Ma voi coll’ umanità
vostra avete fatto che tutto questo detta-
glio fosse inutile , nel quale io non sono
entrato per altro, che per farvi vedere
che se sono un fenomeno, sono però un
fenomeno che si può spiegare . Ma non
posso già io spiegar quello , che voi non
abbiate ancora dal Mercantelli ricevuto quel
fagotto di libri che vi dovea spedire, e
che quelio , che io vi spedii col corriere,
non L’ abbiate ricevuto che ora. Ma corae-
chè ciò sia , quell’avviso al lettore non v’
è dispiaciuto per sè , che era ciò che io
temeva assai jiiù della stampa. Io vi rin-
grazio senza iine dell’ onorevole giudizio
che fatto ne avete , il quale io pongo fra
le testimoaianze deil’amor vostro , di cui
me ne arete voluto dare una così. ampia ,
come si è l’aggradmieato che voi mostra-
te per la picciola purte che io avnto ho
nelia edizione del vostro Iibro , che sarà
caro aiJe muse , ed alle grazie non disca-
ro . A inonsignor Leprotti , ii quale sono
stato a vedere, e che ho troyato il più

cor-
loading ...